Home Page
Mercoledì, 23 Maggio 2018 - Ore 20:49  

» Societa' Sportiva La Paranza
» Comitato Sport Per La Vita

» Le iniziative realizzate con la solidarieta di SPORT PER LA VITA
» Progetto Bolivia

» 26 anni di Sport per la Vita
» Le Foto del Gran Galà

» Albo d'Oro

» Consulta i Photobook

» Dove Siamo
» Contattaci

» CONI
» FIHP



Riccardo Medici con Nicoletta Mantovani


Un momento dello spettacolo


La consegna della Rosa D'Argento a Nicoletta Mantovani

» 11-02-2018
Roseto degli Abruzzi (TE)

Lucevan le stelle a Roseto!
di Riccardo Medici
Anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento con Sport per la Vita ha animato l’inverno di Roseto degli Abruzzi. Sono trentatré anni, infatti, che la bella struttura del Palamaggetti, tempio del basket nazionale, per una serata viene invasa dal caleidoscopico popolo del pattinaggio a rotelle con una manifestazione che nel tempo non ha perso nulla dell’originale freschezza ma, anzi, dimostra un’incredibile capacità di rinnovarsi negli anni. Tre i punti di forza di Sport per la Vita. Il primo è la capacità organizzativa di riunire nella stessa serata i massimi campioni del pattinaggio italiano e grandi gruppi di spettacolo e sincronizzato. Senza timore di smentita si può dire che Sport per la Vita è la più grande manifestazione di pattinaggio su rotelle destinata al grande pubblico, e l’unica capace di presentare tutte le espressioni migliori di questo sport. L’eccellenza tecnica, mai abbastanza sottolineata, dei campioni li mette in grado di unire il gesto atletico alla pura poesia delle loro evoluzioni; a questa si accompagna lo spettacolo eccezionale garantito da équipe numerosissime di atleti, grandi e piccoli, sempre accompagnati da musiche travolgenti e vestiti con splendidi costumi. Come da tradizione, anche quest’anno l’esibizione si è aperta con un fantastico numero di gruppo che ha schierato sulla pista ben quattrocento pattinatori. Mirella Lelli poi con la sua conduzione elegante e sicura ha preso per mano il pubblico e l’ha portato nel mondo incantato di Harry Potter, poi in quello coloratissimo di Monsters & Co. , valorizzando al meglio i grandi gruppi. Suggestivi e spettacolari i numeri di pattinaggio sincronizzato (come quello dedicato ai Desparecidos), e le esibizioni dei campioni: fra questi ultimi ricordiamo per tutti Silvia Stibilj e Andrea Bassi, bravissimi e bellissimi, materializzatisi dalla copertina di “Un podio per la vita”, il libro dedicato a Sport per la Vita i cui diritti d’autore sono devoluti alla manifestazione. L’esibizione delle società A.S.D. Skating “La Paranza” di Roseto e A-S.D. “Magic Skate” di Castelnuovo/Notaresco ha fatto rivivere a tutti i presenti le atmosfere del musical Greàse con indiscutibile successo, visto che tutto il pubblico ha ballato sulle sedie! Il secondo punto di forza di Sport per la Vita è la solidarietà. La manifestazione è nata per volere di Licia Giunco, che nell’immaginare un grandioso evento spettacolare, una gioia per gli occhi, ha subito pensato che “non c’è esercizio migliore per il cuore che stendere la mano e aiutare gli altri ad alzarsi”. Per questo, da trentatrè anni il ricavato di Sport per la Vita (lo spettacolo, ma anche la vendita di squisiti torroni a cui vengono uniti i biglietti d’ingresso) viene destinato ad iniziative di solidarietà. Anche in questo caso, il Comitato Organizzatore di Sport per la Vita ha fatto una scelta coraggiosa, ma vincente, preferendo legare la manifestazione a una malattia poco nota, la fibrosi cistica. Si tratta di una malattia trasmessa geneticamente, che può colpire diversi organi e che non può ancora essere curata in modo definitivo. Di qui l’importanza di una assistenza continua e di un costante aggiornamento non solo delle cure, ma anche delle attrezzature necessarie per somministrarle. Una malattia che richiede una attenzione costante, una sfida che il Comitato Organizzatore ha saputo fare propria da sette anni, dimostrando -se mai ce ne fosse stato il bisogno- la propria volontà di fare del bene, un bene che continua nel tempo, che non deriva da un’ondata emotiva ma dalla necessità di stendere la mano verso chi ha bisogno, ed aiutarlo, accompagnandolo nel suo cammino, costruendo pian piano nel tempo qualcosa di davvero utile, che resti. Questo “far del bene” si rivolge concretamente al Centro Regionale per la fibrosi cistica dell’ospedale di Atri, unico riferimento per i pazienti della Regione Abruzzo. Il legame con il territorio si è rafforzato nel 2017 con la nascita di una nuova iniziativa: la “Rosa per la vita”, una associazione onlus di supporto oncologico domiciliare, ha lo scopo di fornire ai malati di tumore tutta l’assistenza possibile nei loro domicili, rendendo le cure mediche ancora più efficaci perché somministrate nella propria abitazione e senza sradicarsi dai propri affetti. Il terzo punto di forza è l’assegnazione di un premio, la Rosa d’Argento, a personaggi che di anno in anno sono scelti dal Comitato Organizzatore per il loro contributo al mondo della solidarietà. Il premio è costituito da una rosa d’argento e dalla lusinghiera motivazione che l’accompagna: non comporta nessuna ricompensa in danaro, ma è un riconoscimento prestigioso, e per rendersene conto basta scorrere l’elenco dei “vincitori”, a partire dalla personalità eccezionale premiata quest’anno. Per il 2018, infatti, il premio è andato a Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione Luciano Pavarotti, che sostiene giovani talenti emergenti. Nicoletta, grazie alle sue doti di grande organizzatrice, ha potuto realizzare progetti di respiro internazionale, che hanno raccolto milioni di dollari per finanziare realtà socio-educative e di assistenza medica ovunque nel mondo. Un vero personaggio di altissimo livello, dunque, premiata e ringraziata “per quel che sei stata, per quel che sei e per quel che sarai”. Soprattutto una grande donna, di intelligenza tangibile e di grande classe, oltre che di schietta umiltà. Una persona piacevolissima, quindi, che è stata accolta la mattina del 10 febbraio nella Sala Consiliare di Roseto dal Sindaco Sabatino di Girolamo e dagli Assessori tutti: l’incontro è stato informale, estremamente cordiale. Il Sindaco ha dedicato belle parole alla presidente di Sport per la Vita, Luisa D’Elpidio, riconoscendo che solo il lavoro di importanti famiglie di Roseto ha permesso a questa manifestazione di durare così tanto tempo. Nicoletta Mantovani in quella sede così prestigiosa ha potuto presentare alle autorità cittadine i due artisti, che si sarebbero esibiti la sera al Palazzetto: Marco Miglietta e Vittoriana De Amicis. Il connubio fra Sport per la Vita, Roseto e la musica lirica non è di certo casuale. Basti pensare che è nato a Roseto Gianluca Ginoble, uno dei tre componenti de Il Volo, il trio di tenori famoso in tutto il mondo, e che già l’anno scorso è stato ospite del Gran Galà di pattinaggio Piero Mazzocchetti, il tenore terzo classificato a Sanremo 2007. Sport per la Vita 2018 ha rappresentato, però, un momento di svolta. Marco Miglietta e Vittoriana De Amicis avrebbero dovuto esibirsi nella pista del palazzetto, e i campioni di pattinaggio avrebbero accompagnato il canto con le loro evoluzioni. Molti quindi i timori della vigilia: l’acustica di un impianto sportivo per definizione non può essere quella più adatta a una esibizione di canto di quel livello, la presenza dei giovani artisti in pista avrebbe potuto essere surclassata delle esibizioni degli atleti, e gli applausi delle oltre quattromila persone presenti sugli spalti avrebbero sicuramente interferito con l’interpretazione. Ebbene, nulla di tutto questo! Marco Miglietta con “Lucevan le Stelle” e Vittoriana De Amicis con “La regina della notte” hanno conquistato il Palamaggetti! La loro interpretazione di arie così famose, alle quali se ne sono aggiunte altre nel corso della serata, è stata impeccabile nonostante le difficoltà tecniche. La loro presenza scenica è stata davvero carismatica: belli, giovani, bravissimi, portatori della cultura musicale italiana che si è sposata alla perfezione con il pattinaggio, uno sport “italiano” per eccellenza. In una parola: fantastici! Il pubblico non ha interrotto l’esibizione, anzi! In una atmosfera da sogno il canto dei giovani artisti ha danzato nel palasport assieme ai campioni di pattinaggio, mentre tutti ascoltavano in un silenzio quasi irreale. Poi, dopo l’ultima nota, sono esplosi applausi travolgenti. E visto che anche nei giorni successivi allo spettacolo è stato possibile raccogliere commenti entusiasti per le esibizioni, e per l’idea di associare bel canto e bel pattinaggio, non si può che sperare che il Comitato organizzatore valuti positivamente la possibilità di replicare anche nei prossimi anni questa esperienza così entusiasmante. Speriamo! Ma nessuno potrà mai negare che la notte del 10 febbraio 2018, grazie a Sport per la Vita e a Nicoletta Mantovani, al Palamaggetti di Roseto degli Abruzzi davvero “lucevan le stelle”!


[CONSULTA L'ARCHIVIO COMPLETO]

» 11-02-2018
Lucevan le stelle a Roseto!
Anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento con Sport per la Vita ha animato l’inverno di Roseto degli Abruzzi. Sono trentatré anni, infatti, c ... [continua]
» 20-02-2017
Piero Mazzocchetti ospite d’onore di Sport per la Vita 2017
Il grande palcoscenico di Sport per la vita torna a far sognare con un grande spettacolo che unisce lo Sport e la Solidarietà. L’appuntamento per tutt ... [continua]
» 12-01-2016
31° Sport per la Vita Sabato 6 febbraio a Roseto
Oltre 500 atleti saranno in pista per l’apertura di Sport per la Vita, il 31° Gran Galà di pattinaggio artistico internazionale in programma al Palasp ... [continua]


  Copyright © "Sport Per La Vita" P.IVA 00624630673 Powered by PlaySoft